Follow us

Blvck Bundoo

Innanzitutto, la cattiva notizia: non esiste una difesa definitiva contro la listeria.

Innanzitutto, la cattiva notizia: non esiste una difesa definitiva contro la listeria.

Aggiungere le fette di mela, 1/3 di tazza di scalogno e 1/8 di cucchiaino di sale; soffriggere 4 minuti o fino a quando la mela inizia a rosolare. Aggiungere il sidro di mele nella padella e cuocere per 2 minuti o fino a quando la mela è tenera e croccante. Incorporare le foglie di timo. Servire il composto di mele con il maiale.

Informazioni nutrizionali

Porzioni: 4  | Porzione: 3 medaglioni di maiale + 0,5 tazza di miscela di mele

Per porzione: calorie: 244; Grassi totali: 11 g; Grassi Saturi: 1g; Grassi monoinsaturi: 4g; Colesterolo: 89 mg; Sodio: 354 mg; Carboidrati totali: 13g; Fibra alimentare: 3g; Zuccheri: 9g; Proteine: 24g

Bonus nutrizionale: potassio: 502 mg; Vitamina A: 5%; Vitamina C: 12%; Calcio: 2%; Ferro: 9%

Trova altri pasti per la cena a basso contenuto calorico come questo dalla nuova Dieta Cooking Light, dove puoi perdere peso senza rinunciare ai cibi che ami. Scopri di più su CookingLightDiet.com. Segui Cooking Light su Facebook e Pinterest per ulteriori ispirazioni alle ricette quotidiane.

Segui Cooking Light su Facebook per l’ispirazione quotidiana alle ricette.

Mentre ci dirigiamo verso le festività natalizie, molti di noi iniziano a pensare a cibi di conforto, ricette e rituali accoglienti. Il Ringraziamento è un momento per essere grati per ciò che hai e abbracciare amici, familiari e tradizioni. Può essere anche un’occasione per accogliere in tavola nuovi cibi. Mentre tutti amiamo le classiche offerte del Ringraziamento (tacchino, casseruola di patate dolci, ripieno), ci sono infinite opportunità per aromatizzare quegli oggetti tradizionali o aggiungere nuovi sapori e verdure alla tua diffusione.

Ecco, cinque cibi sottovalutati da incorporare in questa stagione.

Mentre le barbabietole sono generalmente note per la loro qualità “terrosa”, possono anche portare una sottile dolcezza a un piatto. Prova a arrostirli per aggiungerli a insalate o altre verdure arrostite come patate dolci e carote.

Per migliorare la tua tipica salsa di mirtilli rossi, prova a bollire le barbabietole e a farle sobbollire fino a ottenere una purea densa. È un modo semplice per aggiungere più nutrienti, come fibre, potassio e proteine, alla tua tipica salsa di mirtilli rossi.

Queste verdure, note per le loro attraenti cime viola, sono a basso contenuto di calorie e ricche di vitamina C e fibre. Forniscono anche altri micronutrienti, come vitamine del gruppo B, potassio, calcio e magnesio. Poiché le rape sono ottime per assorbire il sapore, possono anche fornire un elemento sostanzioso se aggiunte a stufati e ripieni.

Prova a saltare le verdure in aglio e olio d’oliva e conditele con sale, pepe e succo di limone per un facile contorno di verdure. Oppure puoi preparare le rape schiacciate facendole bollire finché sono tenere e schiacciandole con burro, sale, pepe e aglio – aggiungi pancetta o formaggio per aumentare il sapore.

Sebbene le pastinache assomiglino al gusto e alla consistenza delle carote (le loro cugine), hanno un sapore più dolce, soprattutto quando sono cotte. Possono essere al forno, bollite, frullate, arrostite, alla griglia o al vapore. Una porzione da 1/2 tazza fornisce 3 grammi di fibre, oltre a piccole quantità di acido folico, potassio e vitamina C. Arrostile come patatine fritte per un lato creativo o aggiungile con delle carote al vapore.

Questi ortaggi a radice piccanti vengono comunemente consumati crudi come aggiunta all’insalata croccante. Sono ricchi di vitamina C e contengono anche potassio, vitamina K, acido folico, calcio e magnesio. Per togliere un po’ della scorza e della croccantezza (e aggiungere un po’ di dolcezza e succosità), possono essere saltati in padella o arrostiti. Puoi anche aggiungerli al tuo sandwich di tacchino e salsa di mirtilli o provarli in salamoia.

Le crocifere sono ottime fonti di vitamina C, vitamina K e diversi antiossidanti. Il suo gusto delicato lo rende un ingrediente versatile per zuppe, piatti di verdure e insalate. Sia che tu decida di arrostire il cavolfiore intero, di schiacciarlo nelle patate con burro, aglio e timo o di tritarlo e aggiungerlo a un’insalata, è un ottimo modo per aggiungere più volume e sostanze nutritive con poche calorie.

Per corridori, nuotatori, ciclisti e corridori allo stesso modo, il carico di carboidrati è il momento clou di un piano di allenamento lungo e faticoso. A parte la golosità, il carico di carboidrati alimenta le prestazioni, aiutandoti ad andare più forte e più a lungo senza colpire “il muro”, secondo una ricerca della Harvard Medical School.

Questo perché, quando aumenti l’assunzione di carboidrati, carichi i muscoli e il fegato di glicogeno, la forma di carboidrati immagazzinati nel tuo corpo, la tua principale fonte di carburante per l’esercizio ad alta intensità, spiega il dietista sportivo certificato dal consiglio Georgie Fear, autore di “Lean Habits per la perdita di peso per tutta la vita.”

Ma, a loro insaputa, la maggior parte dei corridori non carica i carboidrati nel modo giusto. Ecco cinque miti sul carico di carboidrati che devono essere sfatati prima del tuo prossimo evento.

1. È pasta a volontà la sera prima.”La vecchia teoria era che, quando si caricavano i carboidrati, si voleva fare il pieno di pasta e mangiare più cibo possibile la sera prima”, afferma Jim White, RD e istruttore di fitness. “Il problema è che quando le persone lo fanno, sperimentano un intenso disagio gastrointestinale la mattina successiva prima dell’evento”. A quel punto, gran parte del cibo è ancora nello stomaco”. Invece, White consiglia di aumentare gradualmente l’assunzione di carboidrati a partire da diversi giorni prima dell’evento, mantenendo le dimensioni delle porzioni simili al tuo “normale”.

2. Aumenterai di peso.OK, quindi in realtà aumenterai di peso durante il caricamento di carboidrati. Ma dovresti aumentare di peso in acqua, non di grasso, dice White. È tipico guadagnare da due a quattro libbre di peso in acqua, dice; con ogni grammo di glicogeno che metti via, il tuo corpo immagazzina circa tre grammi di acqua. Anche se il peso dell’acqua può sembrare un po’ scomodo, non dovrebbe rallentarti e può effettivamente rendere molto più facile rimanere idratati durante la corsa. La paura dice di non salire sulla bilancia tre giorni prima o dopo il tuo evento. “Ci sono così tante cose che accadono con i cambiamenti di fluido e l’infiammazione post-gara nel tuo corpo, quindi lascia perdere per un po'”, dice.

3. È la tua occasione per mangiare cibo spazzatura.I cibi spazzatura non fanno molto per il tuo corpo, quindi perché alimentarli prima di una gara solo perché hanno carboidrati? Salta la pizza, la pasta cremosa, le barrette di cioccolato, il gelato e le ciambelle. Scegli carboidrati integrali da quinoa, riso integrale, frutta, patate dolci e legumi, dice White. Tuttavia, per prevenire i problemi di stomaco alimentati dalle fibre al miglio cinque, ti consigliamo di ridurre i fagioli, i piselli, le lenticchie e qualsiasi altra cosa ricca di fibre durante le 24 ore prima della gara, dice Fear.

4. Hai bisogno di un sacco di calorieCome abbiamo detto, se fatto bene, il carico di carboidrati non dovrebbe farti ingrassare. “Mira a mantenere l’apporto calorico totale vicino alla normalità, ma passa a mangiare più carboidrati e meno grassi”, afferma Fear. “Pensa ad avere un cibo sano e ricco di carboidrati come piatto principale ad ogni pasto. Prendi banane, uvetta, cracker integrali o salatini al posto di mandorle o formaggio per uno spuntino. Mantieni l’assunzione di proteine ​​pressoché normale in modo che i tuoi muscoli siano forti, recuperati e pronti a partire.

5. Dovresti caricare i carboidrati prima di un 5K”Di solito non penso al carico di carboidrati a meno che una gara non duri 90 minuti o più”, dice Fear. “Normalmente tutti abbiamo del glicogeno immagazzinato e un evento che dura meno di un’ora non lo esaurirà in larga misura. Caricare inutilmente carburante extra per giorni in anticipo potrebbe farti sentire pesante sui piedi il giorno della gara”, afferma. Con eventi di durata più breve, cerca di mangiare un pasto sano e ricco di carboidrati la sera prima e la mattina della gara per portare i tuoi livelli di glicogeno dove devono essere.

Salta sulla tendenza del riso vegetariano con questo piatto di The Honor System che raggiunge tutti i massimi livelli nutrizionali: è ricco di proteine, naturalmente privo di glutine ed è pronto in meno di 30 minuti. La sostituzione del riso tradizionale con il cavolfiore riso riduce drasticamente le calorie e i carboidrati, il tutto mentre si confezionano ben 14 grammi di fibre.

    Stampa

ingredienti

1 testa di cavolfiore1 cucchiaio più 1 cucchiaino di olio di sesamo tostato2 uova grandi, sbattute3 spicchi d’aglio, tritati1 tazza di cipolla, a dadini1/2 tazza di carote, a dadini1/4 tazza di sedano, a dadini1/4 tazza di peperone rosso, a dadini1/4 tazza di cipolle verdi o erba cipollina, tritate3 cucchiai di cocco aminos o salsa di soia1 petto di pollo cotto, tagliato a bocconcini

Indicazioni

Tagliare il cavolfiore a cimette. Lavorando in lotti, frulla le cimette in un robot da cucina o in un frullatore fino a quando non assomigliano alle dimensioni del riso. Accantonare.

In una padella grande, scalda 1 cucchiaino di olio di sesamo tostato a fuoco medio. Sbattete le uova, poi trasferitele su un tagliere e date loro un taglio veloce e grossolano. Accantonare

Pulisci la padella, aggiungi 1 cucchiaio di olio di sesamo tostato rimanente e torna a fuoco medio.

Soffriggere la cipolla, le carote, il sedano e i peperoni fino a renderli croccanti, circa 3-4 minuti. Aggiungere l’aglio e soffriggere per un altro minuto. Aggiungere il riso al cavolfiore e mescolare molto bene. Abbassa il fuoco a medio-basso, copri la padella e cuoci finché il riso non è tenero, circa 5-8 minuti

Scoprire e incorporare le uova tritate, l’erba cipollina, il pollo cotto e gli aminos di cocco. Servire caldo

—-

Porzioni:  4 | Porzione: 1/4 di ricetta ciascuno

Per porzione: Calorie: 265; Grassi Totali: 7g; Grassi Saturi: 4g; Grassi monoinsaturi: 1g; Colesterolo: 107mg; Sodio: 400mg; Carboidrati: 14 g; Fibra alimentare: 14g; Zucchero: 9g; Proteine: 23g

Questo sandwich di maiale marinato alla soia dolce e impertinente di Cooking Light è una vera delizia per il pranzo al sacco ovunque. Questo ripieno di filetto di maiale salato ad alto contenuto proteico viene inserito tra un panino integrale e servito con carote rasate.

    Stampa

Panino Di Maiale Marinato Di Soia

ingredienti

1 1/2 cucchiai di zucchero di canna1 1/2 cucchiai di salsa di soia a basso contenuto di sodio2 cucchiaini di aglio tritato1/2 cucchiaino di peperoncino tritato3/4 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato3/4 cucchiaino di olio di sesamo12 once (336 g) di filetto di maiale, mondato e affettato sottilmente2 cucchiai di aceto di riso2 cucchiaini di olio di colza, divisi1/4 cucchiaino di zucchero semolato1 tazza (30 g) di carote tritate1/4 tazza (25 g) di cipolle verdi tritate1/4 tazza (15 g) di foglie di coriandolo tritate4 (1 1/2 oncia) panini per hamburger integrali

Indicazioni

Unire lo zucchero di canna, la salsa di soia, l’aglio, il peperoncino, lo zenzero e l’olio di sesamo in una ciotola media, mescolando con una frusta. Aggiungi il maiale alla ciotola; rigirare bene per ricoprire. Lasciare riposare il composto di maiale a temperatura ambiente per 15 minuti.

Preriscaldare il grill al massimo.

Mentre il maiale marina, unire l’aceto, 1 cucchiaino di olio di colza e lo zucchero semolato in una ciotola media; mescolare con una frusta. Aggiungi carota, cipolle e coriandolo; lanciare per ricoprire.

Scaldare una padella grande a fuoco medio-alto. Aggiungere il restante 1 cucchiaino di olio di colza in padella; vortice per rivestire. Aggiungi il maiale alla padella; cuocere 3 minuti o fino a cottura ultimata, girando di tanto in tanto.

Mentre il maiale cuoce, adagiare i panini su una teglia, con i lati tagliati verso l’alto. Grigliare 1 minuto o fino a quando non è leggermente tostato. Le metà inferiori superiori dei panini in modo uniforme con il maiale. Dividere uniformemente il composto di carote tra le porzioni. Coprire i panini con la metà superiore dei panini.

Informazioni nutrizionali

Porzioni: 4 | Porzione: 1 panino

Per porzione: calorie: 290; Grassi Totali: 7g; Grassi Saturi: 1g; Grassi Monoinsaturi: 3g; Colesterolo: 55mg; Sodio: 352 mg; Carboidrati: 30g; Fibra alimentare: 4g; Zucchero: 10 g; Proteine: 25g

Bonus nutrizionale: potassio: 591 mg; Ferro: 14%; Vitamina A: 86%; Vitamina C: 12%; Calcio: 7% 

Prima c’è stata l’estate in cui non potevamo mangiare il melone. Poi è arrivata la notizia di insalate di pollo e nettarine contaminate. Ora i congelatori dei negozi di alimentari sono vuoti dopo i principali richiami di prodotti di Blue Bell Creameries, Jeni’s Splendid Ice Creams e Amy’s Kitchen. Il colpevole in tutti questi casi era un piccolo batterio resistente chiamato listeria. Mentre l’intossicazione alimentare non è una novità, specialmente per quelli di noi che frequentano i venditori di cibo di strada, ammalarsi per il cibo che prendiamo al supermercato è uno shock per il sistema.

Cos’è la Listeria?

Listeria, o Listeria monocytogenes, se ti senti accademico, può essere trovata in tutto, dal suolo all’acqua, dai polli alle mucche, quindi non è una sorpresa quando la listeria si fa strada nel cibo che mangiamo. In effetti, un adulto su 20 è portatore del batterio ma non presenta alcun sintomo.

Listeria (e la successiva infezione, listeriosi) funziona come molte altre malattie di origine alimentare. “La differenza è che la listeria può causare condizioni potenzialmente letali come la meningite in alcuni ospiti immunocompromessi”, afferma Nancy Simpkins, M.D., internista presso il St. Barnabas Medical Center.

Proprio come le infezioni da E. coli e salmonella, la listeriosi tende a colpire le popolazioni con un sistema immunitario più debole del solito. Gli adulti di età superiore ai 65 anni, le donne in gravidanza, i neonati e chiunque abbia un sistema immunitario già debole (si pensi a quelli con gravi condizioni mediche croniche come cancro, diabete o HIV o a coloro che sono sottoposti a terapie immunosoppressive come radiazioni o steroidi) sono a maggior rischio di contrarre la malattia. Ma è come infetta, non chi, che rende la listeria diversa.

Quando la listeriosi colpisce, potresti manifestare i tipici sintomi di intossicazione alimentare (crampi allo stomaco, nausea o diarrea) pochi giorni dopo aver consumato cibo contaminato, ma occorrono circa due mesi prima che la malattia mostri i suoi veri colori. Questo è il tempo necessario all’infezione per moltiplicarsi nelle cellule e raggiungere il sistema nervoso, dove erutta con sintomi come mal di testa, torcicollo, confusione o cambiamenti nei livelli di vigilanza, problemi di equilibrio e convulsioni. La listeriosi grave può causare meningite batterica negli adulti ed è particolarmente devastante per i neonati e le donne in gravidanza, poiché l’infezione può passare dalla madre al feto.

Perché ora?

La recente isteria della listeria potrebbe far sembrare un batterio nuovo e altamente evoluto che sta appena iniziando a conquistare il mondo, un marchio di gelato artigianale alla volta, ma non è una novità. I ricercatori hanno osservato la listeriosi in più di 50 specie negli ultimi 90 anni. Ma è stato solo negli anni ’80 che una cattiva partita di insalata di cavolo ha informato gli scienziati che la listeria era un problema di sicurezza alimentare. Tutto, dal formaggio a pasta molle al latte crudo, dalle drupacee ai cavoli, dalle cozze al prosciutto, prima o poi è stato contaminato dalla listeria.

Parte del motivo per cui questi richiami sembrano più comuni oggi è che l’industria alimentare sta diventando più trasparente e attenta ai test, quindi sentiamo parlare di epidemie più frequentemente, afferma Kantha Shelke, Ph.D., scienziato alimentare presso l’Institute of Food Technologists. Gli orari di produzione aggressivi di molti produttori alimentari significano anche che i servizi igienico-sanitari potrebbero non essere sempre all’altezza (um, che schifo!), dice.

E poi c’è il nostro desiderio che il cibo abbia una lunga durata. “Stiamo davvero spingendo oltre i confini della natura sottoponendo gli alimenti che in genere vengono consumati entro un tempo molto breve dalla loro preparazione a lunghi cicli di distribuzione e conservazione, che favoriscono la crescita della listeria”, afferma Shelke.

L’asporto

Innanzitutto, la cattiva notizia: non esiste una difesa definitiva contro la listeria. La buona notizia: ciò significa harmoniqhealth.com che puoi e dovresti continuare a vivere la tua vita, anche se con alcune precauzioni.

“C’è poco che un consumatore medio che mangia melone e ordina un cono gelato può fare oltre ad aderire a una corretta igiene della preparazione degli alimenti e acquistare da produttori e rivenditori che hanno elevati standard di pulizia”, ​​afferma Shelke.

Idealmente, dovresti fare acquisti localmente e frequentemente per massimizzare la freschezza del tuo cibo e ridurre al minimo la possibilità che venga a contatto con superfici contaminate.

Register

Have an account?